FESTIVAL DI SANREMO, LA QUARTA SERATA: ROCCO HUNT VINCE LA GARA GIOVANI

20140222_rocco-hunt.jpg.pagespeed.ce.vQ9NQ7OnLr

È la serata dei duetti, di Marco Mengoni, di Gino Paoli e dell’omaggio ad alcune tra le più importanti canzoni autorali della musica italiana. È la notte di Rocco Hunt che vince la categoriaNuove Proposte con la canzone “Nu juorno buono”. La quarta puntata del Festival di Sanremo si è aperta con l’esibizione del vincitore della scorsa edizione. Mengoni si è esibito con «Io che amo solo te», il capolavoro di Sergio Endrigo che è tra le più belle canzoni italiane della storia. Fuori dall’Ariston LucianaLittizzetto prendeva un aperitivo con un partner misterioso, con in testa un casco da moto in stile Daft Punk, che si è rivelato essere il maestro Vessicchio. A seguire è stato il turno di Perturbazione con una sexy Violante Placido in pizzo nero con “La donna cannone” di Francesco De Gregori. Da Tenco a De Gregori fino a Zucchero, interpretato da Francesco Sarcina con Riccardo Scamarcio alla batteria, che hanno intonato “Diavolo in me”. Poi è stata la volta di Frankie Hi-Nrg con Fiorella Mannoia che hanno cantato “Boogie” di Paolo Conte. Sul palco in solitario Noemi al piano suona e canta “La costruzione di un amore” di Ivano Fossati. Un lungo applauso ed una standing ovation sono stati dedicati dalla platea del Teatro Ariston aFrancesco Di Giacomo, leader del Banco del Mutuo Soccorso, scomparso stasera in un incidente stradale nei pressi di Zagarolo. Al termine dell’esibizione di Noemi, Fazio è uscito sul palco e ha dato la notizia appena appresa, esprimendo grande dispiacere per la perdita dell’artista. Dopo il tributo del teatro anche Francesco Renga, entrando in scena per la sua esibizione, si è detto molto dipiaciuto per la notizia della morte di Di Giacomo. Applausi ed emozioni anche per la scelta di Francesco Renga che con Kekko dei Modà cantano “Un giorno credi” di Edoardo Bennato. Molto divertente lo sketch con il mago Silvan che prima ha scambiato Pascoli per Montale, attribuendo al secondo l’opera “Il fanciullino”, per poi “accorciare” la Littizzetto con uno dei suoi trucchi magici. Arriva il turno di Ron che omaggia Lucio Dalla con “Cara”: “Spero di esserne all’altezza, tanti hanno provato ad imitarlo e non ci sono riusciti”. Il ricordo prosegue raccontando un aneddoto del loro passato. Ecco salire sul palco Arisa in compagnia di Whomadewho che hanno interpretato “Cuccurucucu” di Franco Battiato. Gino Paoli è venuto a Sanremo con Danilo Rea, un fuoriclasse assoluto del pianoforte jazz e non solo, per un omaggio alla scuola genovese. Rea è l’orchestra, Paoli l’interprete che scava l’essenza delle note e «Vedrai vedrai» di Tenco e «Il nostro concerto» di Umberto Bindisono un incanto. «Il cielo in una stanza», cantata con l’orchestra, chiude uno di quei momenti che nobilitano un festival. Parte la gara dei giovani. Il primo artista della categoria Nuove Proposte è Diodato con la sua “Babilonia”. A seguire Zibba con “Senza di te”, Roccoo Hunt con “Nu juorno buono” e The Niro con “1969”. Tra questi nomi uscirà il vincitore di serata. È il momento di Luca Zingaretti: il suo breve monologo ispirato alla bellezza è tratto dalle parole di Peppino Impastato. Sul palco appare Riccardo Sinigallia e Fazio affronta subito il tema dell’esclusione dell’artista dal Festival. Sinigallia ammette le sue colpe: “Un peccato di ingenuità, la mia casa discografica non ne sapeva nulla”. Il conduttore gli ricorda le 24 ore di tempo per presentare ricorso ma il cantante risponde con gli occhi lucidi: “Sono stato bene, mi avete dato una luce che non ho mai avuto prima. Non farò ricorso”. Riprende lo spettacolo canoro con Raphael Gualazzi e The Bloody Beetroots, insieme all’ex batterista dei Motley Crue Tommy Lee, che eseguono “Nel blu dipinto di blu”, seguiti da Cristiano De André che ha scelto di interpretare la canzone del padre Fabrizio De André”Verranno a chiederti del nostro amore”. “Ricordo quando mio padre la scrisse, la dedico a lui e a mia mamma che non ci sono più”, le parole commosse di De André. Spazio poi a Renzo Rubino insieme a Simona Molinari in una suggestiva esibizione di “Non arrossire” di Giorgio Gaber. Piccola pausa per i duetti, intermezzati dallo show di Enrico Brignano, che omaggia Aldo Fabrizi in frac nero e camicia, gilet, papillon, gardenia all’occhiello, tutto rigorosamente bianco, canta Lulù giocando con l’orchestra. È la volta di Giusy Ferreri che ha cantato “Il mare d’inverno” di Enrico Ruggeri insieme agli attori Alessio Boni e Alessandro Haber. Dopo l’appello di Fazio contro cyber bullismo, ricordando la vittima 14enne morta nelle scorse settimana, entra in scena Antonella Ruggiero che si presenta con i DigiEnsemble Berlin, un gruppo di musicisti tedeschi che suonano con i tablet. La canzone è “Una miniera” dei New Trolls. Li segue Giuliano Palma che canta “I say i’ sto cca’” di Pino Daniele. Torna sul palco Riccardo Sinigallia che canta “Ho visto anche degli zingari felici” di Claudio Lolli con Paola Turci, Marina Rei e Laura Arzilli. Domani l’artista si esibirà, ma sarà considerato fuori gara. Prima della proclamazione del vincitore della categoria Nuove Proposte, arriva il momento dell’ospite internazionale, il 27enne scozzese Paolo Nutini, il cui nome tradisce le origini italiane (il nonno arrivava dalla provincia di Lucca), che esordisce con sulle note di Caruso di Lucio Dalla prima di presentare il nuovo album di inediti «Caustic Love», in uscita il 15 aprile. SELFIE SUL PALCO Il ‘selfie’ arriva anche in diretta sul palco dell’Ariston, grazie a Francesco Sarcina. Il cantante, che nella serata di Sanremo Club ha scelto di eseguire ‘Diavolo in mè di Zucchero insieme all’attore Riccardo Scamarcio alla batteria, alla fine dell’esecuzione chiama Fazio vicino a loro per un autoscatto con lo smartphone. Prima di loro, ad aprire la carrellata di Big alle prese con cover di celebri brani del cantautorato italiano, erano stati i Perturbazione con ‘La donna cannonè di Francesco De Gregori, cantato insieme a Violante Placido.

FESTIVAL DI SANREMO, LA QUARTA SERATA: ROCCO HUNT VINCE LA GARA GIOVANIultima modifica: 2014-02-22T12:19:05+00:00da marya3131
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento